Le ex Officine Reggiane ospitano il “Cinematic Motor Fest”

cinematic motor fest
0 Condivisioni

Il Cinematic Motor Fest, dopo la rassegna presentata in collaborazione con Modena Amore Mio al Motor Valley Fest a Modena, prosegue con i suoi appuntamenti di presentazione al pubblico con una rassegna cinematografica di due giorni al Tecnopolo delle Ex-Officine Reggiane: 31 Maggio e 1 Giugno 2024.

Coloro che, oltre al rombo dei motori e le linee sfuggenti delle carrozzerie, amano anche il fascino delle sale cinematografiche e le avvincenti storie rappresentate sul grande schermo, avranno l’opportunità di seguire film a tema motoristico e in particolar modo legati al territorio emiliano.
Gli appuntamenti mirano ad anticipare la prima edizione del Cinematic Motor Fest, in calendario per il 2025: un evento che non solo vedrà presentate in anteprima produzioni cinematografiche a tema motoristico (documentari, fiction, cortometraggi d’animazione, spot) in concorso al festival, ma che vuole diventare anche momento di incontro, formazione e scambio per i professionisti dell’audiovisivo e per chi vuole avvicinarsi al
settore video.

Di seguito gli appuntamenti in calendario il 31 Maggio e il 1 Giugno a Reggio Emilia:

Venerdì 31 Maggio – Aula Magna, Tecnopolo Reggiano, Capannone 19 Ex Reggiane – Piazzale Europa 1 (Reggio Emilia)

  • ore 21.00 presentazione della serata e del libro “L’altra terra dei motori” di Alessandro Socini.
    L’autore del libro ci condurrà a scoprire alcuni aneddoti e storie legate a quella che ormai è nota a tutti come Motor Valley, ovvero Terra dei Motori, e introdurrà il film della serata
  • ore 21.30 docufilm “La Piccola Indianapolis – Storie di Uomini e di Moto” di Fabio Fasulo e Francesca Mignardi. Saranno presenti gli autori a introdurre il film.
    Immaginate di avere un circuito di moto GP o di Formula 1 accanto a casa, a Modena, e che sia sufficiente arrampicarsi su un muro o provare a scavalcarlo per incontrare in carne ed ossa i piloti e i vostri campioni… “La piccola Indianapolis. Storie di uomini e di moto” narra quella che fu la “piazza” di prova, di gara, di socializzazione e di mostra degli sviluppi tecnici motoristici tra gli anni 50 e gli anni 70: l’Aerautodromo di Modena. Un luogo che purtroppo non esiste più, ma del quale tanti si ricordano per averci gareggiato o per aver visto sfrecciare grandi campioni come Fangio, Ascari, Castellotti, Agostini, Villa, Pasolini e Saarinen per fare solo alcuni nomi. L’Aerautodromo di Modena non è stato semplicemente un circuito di gare automobilistiche e motociclistiche, ma fulcro di quell’economia fatta di piccoli artigiani divenuti poi colossi industriali del nostro territorio che oggi chiamiamo Motor Valley. Ed è stato anche l’emblema di tanti cittadini che nel dopoguerra hanno avuto il circuito come punto di ritrovo, dove iniziative, eventi, competizioni erano valvola di sfogo e di stimolo per una città che
    era pronta a rinascere. Negli occhi di tanti ragazzini è nata la passione, la voglia di competere, di costruire e di innovare.
    Con “La Piccola Indianapolis” si racconta una storia, durata un quarto di secolo, e incentrata sul mondo delle corse a due ruote, perché era proprio qui, a Modena, che ogni anno, il 19 marzo, rinasceva tutto con la prima data della stagione motociclistica che diventava un appuntamento mondiale. Quello che era il circuito, oggi è un bellissimo parco, il parco Ferrari, negli ultimi anni meglio conosciuto come Modena Park, grazie ad un evento da record che ha riportato in auge quest’area che un tempo era il lustro della città.

Sabato 1 Giugno – Aula Magna, Tecnopolo Reggiano, Capannone 19 Ex Reggiane –
Piazzale Europa 1 (Reggio Emilia)

  • a partire dalle 19.00 stand espositivo dell’Associazione Storica Bugatti automobili Campogalliano e di Active Case
  • ore 21.00 proiezione dell’intervista “Mauro Forghieri: L’ingegnere Geniale” di Frameatwork. Una delle ultime interviste realizzate all’Ing. Mauro Forghieri a pochi mesi dalla sua scomparsa, per ritrovare nelle sue parole le emozioni, la tecnica e l’uomo dietro tante innovazioni.
    L’intervista è stata presentata in anteprima durante il Motor Valley Fest con quattro proiezioni che hanno registrato il tutto esaurito e commenti emozionati.
  • ore 21.30 docufilm “La Fabbrica Blu” di Davide Maffei e Alessandro Barbieri. Introducono il film gli autori.
    All’inizio degli anni Novanta l’imprenditore italiano Romano Artioli decide di far rivivere il mitico marchio Bugatti e di realizzare la più prestigiosa e tecnologica supercar dell’epoca. Chiama a raccolta un team eccezionale di tecnici e ingegneri e concepisce una nuova avveniristica fabbrica a Campogalliano, alle porte di Modena. Nella fabbrica iniziano a lavorare duecento dipendenti entusiasti ed orgogliosi di questa iniziativa che non ha paragoni nella storia dell’automobilismo. Ma poco dopo la presentazione del secondo modello, la berlina quattro porte EB112 disegnata da Giugiaro, una serie di eventi a catena portano rapidamente l’azienda al fallimento. La fabbrica è ancora lì, intatta e addormentata come il giorno dopo la sua chiusura, e si lascia ammirare dall’autostrada come un simbolo di coraggio, utopia e passione. I dipendenti, ancora oggi stregati da quella breve ma intensa esperienza, ci raccontano, assieme ai tanti materiali d’archivio, le sensazioni e
    l’atmosfera di un’età dell’oro dissoltasi troppo in fretta.

Ingresso libero.
Data la capienza limitata, è vivamente consigliata la prenotazione inviando una mail a: info@cinematicmotorfest.com

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *